Surrender

In sanscrito ishvara significa “Dio” o “Altissimo”, pranidhana significa “devozione continuativa” o “abbandono”, pertanto il quinto Niyama viene tradotto come “abbandono verso l’Altissimo” o “devozione verso Dio”.

Abbandonarsi a Dio significa sviluppare al proprio interno la fede, non necessariamente in un dio religioso ma nel divino inteso come campo energetico universale che ci sostiene e ci protegge anche quando non ce ne rendiamo conto. E' per me il Niyama più importante e anche il principio a cui ho deciso di orientare la mia vita ormai da più di 10 anni. La mia esperienza mi ha fatto comprendere che la fede può smuovere le montagne e che non siamo soli al mondo, sebbene le circostanze della vita ci inducano a volte a pensarlo.

FedeMontagna

A differenza degli altri Niyama, per i quali vi ho dato suggerimenti su come coltivarli, qui non ho nessun suggerimento da fornire tranne la mia esperienza personale di cosa è la fede. In uno dei momenti più difficili della mia vita, circa  10 anni fa,  quando presa dalla disperazione scrivevo lettere a Dio, ho scoperto con grandissima gioia mista a incredulità di essere non solo ascoltata ma anche guidata. Allora, pur non vedendo nessun futuro dinanzi a me, nella totale incertezza su cosa sarebbe accaduto, mi sono affidata. Per me è stato un salto nel vuoto con la certezza di essere afferrata. Non significa che non ho avuto o non ho paura ma che ho la certezza, inspiegabile razionalmente, che, anche quando la vita si muove nella direzione che non mi piace, se mi affido  e resto aperta vengo guidata nella direzione giusta e protetta nel cammino che percorro. Sino ad oggi Dio non mi ha mai deluso.