IMG_7764

Vorrei condividere una riflessione su come offrire un supporto veramente utile a chi si rivolge a me per il counseling.

In questi mesi ho avuto il tempo e la serenità di ripercorrere tutta la mia vita – episodi, ricordi, istantanee, fotogrammi – e ho pensato che il tempo che viviamo non ritorna. Quando soffriamo vorremmo che passasse subito, quando siamo felici che non finisse mai. Il tempo però è indifferente al nostro stato d’animo e passa con la stessa velocità. I giorni non tornano ed è importante viverli al meglio anche quando non ci piacciono. Il miglior modo per non sprecare l'opportunità di vita che ogni giorno riceviamo è ampliare lo sguardo oltre il nostro orizzonte e condividere con gli altri ciò di cui disponiamo.

Negli ultimi 10 anni, mi sono dedicata alla mia crescita personale, per sciogliere i nodi importanti che mi impedivano di tessere pienamente la trama della mia vita. Grazie al counseling, ho imparato a non sentirmi più vittima e ad utilizzare le esperienze di sofferenza che - come tutti - ho vissuto come strumenti preziosi per vivere meglio.
Tenere solo per me l'arricchimento che ho ricevuto dalle mie esperienze di vita è come avere un grosso capitale e tenerlo sotto il materasso. Il miglior modo per far fruttare la nostra ricchezza è metterla a servizio degli altri. La logica umana ci porta a pensare che se diamo qualcosa che ci appartiene la perdiamo, ma per tutto ciò che riguarda l’anima questa logica non funziona: se do qualcosa che ho ricevuto – un sorriso, un insegnamento, un gesto di amore – questo non va perso ma si rigenera e si moltiplica.

Essere a servizio dell'altro

Essere a servizio dell'altro

Sono ormai convinta che per essere un buon counselor, oltre a tutte le nozioni e le tecniche che sto continuando a studiare,  la cosa veramente importante - come sosteneva anche Kohut - sia la comprensione empatica: il saper stare insieme alla persona in difficoltà con amore.
Il mio intento oggi è di non perdere mai di vista la motivazione che mi ha spinto e mi spinge ad essere un counselor: mettermi a servizio degli altri, stando insieme a loro nella difficoltà fino a quando non la attraversano.

E' con questo spirito che voglio riprendere ad accompagnare chi si rivolgerà a me per un percorso di counseling.

A chi ha già fatto il percorso con me, offro la possibilità di fare un "tagliando" per testare insieme come procede il cammino. Contattatemi per incontrarci!