La parola è uno strumento estremamente potente per l’immagine che evoca nella nostra mente, per la sensazione che risveglia nel nostro cuore e per la reazione che genera nel nostro corpo.

La mente codifica la conoscenza in parole: impariamo da bambini a chiamare “cane” l’animale che abbaia, “penna” la cosa con cui scriviamo (quando ancora era consueto scrivere a mano!), “cielo” lo spazio azzurro che vediamo sopra di noi, ecc… . Una parola in sé non è né buona né cattiva, la connotazione che le diamo dipende dal significato che le attribuiamo e da ciò che evoca in noi quel significato. Le parole possono essere usate come armi – al pari di un coltello – per ferire e allontanare qualcuno ma possono anche essere usate come strumenti per trasmettere amore, comprensione, accettazione e migliaia di altre cose positive. 

Quando pronunciamo una parola, il suo effetto dipende non solo dal significato ma anche dal tono con cui viene espressa. Approfondiremo questo punto attraverso una pratica.

Le affermazioni

Le affermazioni sono un insieme di  parole, potremmo anche chiamarle semplicemente frasi con cui affermiamo qualcosa. La ripetizione delle affermazioni ha un effetto sulla nostra psiche e ciò che ripetiamo crea una sorta di programmazione mentale.

La ripetizione, in altre parole, trasforma una semplice frase in una convinzione che può condizionare la percezione che abbiamo di noi stessi, del mondo e della relazione tra noi e il mondo esterno.

Se ad un bambino è stato ripetuto, per esempio, “tu non combinerai mai niente di buono nella vita”, soprattutto se quest’affermazione è stata ripetuta da figure di riferimento per lui importanti come i genitori o gli insegnanti, è possibile che si sia formata nella sua mente la convinzione di essere “un buono a nulla”. 

Questo esempio illustra l’effetto, in questo caso negativo, della ripetizione di un’affermazione. Ma è vero anche il contrario. Se ripetiamo in maniera continua e costante un’affermazione carica di contenuto positivo, creeremo al nostro interno una convinzione che si ripercuoterà positivamente sul nostro modo di pensare e di agire. 

Come usarle

Vediamo come possiamo utilizzare il potere delle affermazione per condizionare positivamente la nostra vita, in modo da trovare il coraggio di raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati, rafforzare la stima e l’amore che abbiamo per noi stessi, creare pienezza e gioia di vivere e così via .

Le affermazioni possono fare molto più di questo. Paramhansa Yogananda, che è stato un grande Maestro spirituale, ha scritto tanto sul potere di guarigione delle affermazioni.

Ispirandoci alla pratica dei suoi insegnamenti possiamo affermare che la pratica delle affermazioni permette di acquisire la forza mentale necessaria per restare centrati dinanzi alle avversità e alle prove. Sono un’arma potente per affrontare le difficoltà e quelli che percepiamo come “disastri” dell’esistenza, da un centro di forza e di coraggio indistruttibile.

Nel sentiero spirituale, le affermazioni sono uno degli strumenti da utilizzare, insieme alla meditazione e al pensiero positivo, per esempio. Se ci fate caso tutti questi strumenti “lavorano” sulla mente. Yogananda diceva infatti “la vostra mente è molto potente ma non la usate”.

Su questo video trovate alcune indicazioni per l’utilizzo delle affermazioni: 

Le affermazioni riportate sul video appartengono agli insegnamenti della SRF (Self Realization Fellowship), l’associazione spirituale creata da Yogananda. Il mio intento è solo quello di trasmetterli e non di prenderne il merito.

Ilaria Evola
Seguimi
Latest posts by Ilaria Evola (see all)