Saucha

SAUCHA: La PUREZZA
In sanscrito saucha significa “purezza”. E’ il primo Niyama dello Yoga. La purezza può essere intesa a diversi livelli secondo Patanjali. Il suo significato più immediato riguarda la pulizia del corpo fisico. Nella tradizione tantrica, il corpo è considerato come il tempio dell’anima, è dunque fondamentale mantenerlo pulito e in buona salute per aiutare l’anima a compiere la sua missione.

Come si acquisisce
Il corpo fisico può essere purificato attraverso la pratica regolare dell’Hatha yoga e delle tecniche di Pranayama. “L’hatha yoga presenta un insieme di posizioni fisiche o asana, il cui scopo più elevato è la purificazione del corpo, che permette di raggiungere la consapevolezza e il controllo degli stati interni e lo prepara alla meditazione.” (P. Yogananda – ” Lo Yoga di Gesù”)

Sebbene la purificazione del corpo fisico sia una tappa fondamentale, l’obiettivo più importante del praticante è la purificazione della mente e delle intenzioni. Ciò richiede un vero e proprio allenamento ad agire per il bene proprio e degli altri, uscendo dalla logica di separazione e coltivando la visione unitaria in cui il nostro bene coincide e non si contrappone a quello dell’altro. Con il tempo i nostri pensieri e le nostre attitudini si trasformano e la rabbia, la paura e la sfiducia lasciano spazio ad una saggezza e ad una sicurezza inimmaginabili.

L’unico modo per entrare nello stato unitario di coscienza, è di rinunciare al falso bisogno di vincere, essere separati, aver sempre ragione ed essere speciali. Cercate di vedere cosa c’è di buono in ogni situazione, non importa se all’apparenza giusta o sbagliata.” (E. Pierrakos – “Il Sentiero”)

Letture consigliate:

“Il Sentiero” – Eva Pierrakos; “Lo Yoga di Gesù” – Parahmansa Yogananda; “Meditazione e Mantra” – Swami Vishnu Devananda;